venerdì 7 luglio 2017

Recensione Dieci piccoli indiani di Agatha Christie


Titolo: Dieci piccoli indiani
Autrice: Agatha Christie
Editore: Oscar Mondadori
Prezzo: 11 

TRAMA: Una casa misteriosa su un'isola deserta, lontana dal resto del mondo. Dieci persone che non si sono mai conosciute prima, tutte accomunate da un inquietante passato, riunite sotto lo stesso tetto da una serie inspiegabile di inviti. Un'assurda filastrocca per bambini che ritorna ossessivamente, scandendo in maniera implacabile, come in un incubo orrendo, una serie spaventosa di omicidi. Un romanzo poliziesco originalissimo, nel quale ciascuno dei protagonisti ricopre, contemporaneamente, il ruolo di investigatore, sospetto e probabile vittima. Pubblicato per la prima volta nel 1939, e in seguito stampato e ristampato in tutto il mondo, Dieci piccoli indiani rappresenta ancora oggi, uno dei più perfetti esempi mai scritti di giallo classico.



Cosa ne penso?

Salve readers! 
Ebbene si, sono ancora viva! Lo so...sono passati parecchi mesi dalla mia ultima recensione e sono imperdonabile ma non è stato proprio un bel periodo! Un periodo in cui ho letto poco quanto niente.
 Oggi sono qui per fare la recensione di un libro che mi ha colpito molto, Dieci piccoli indiani di Agatha Christie. Partiamo dalla premessa che è la prima volta che leggo un giallo, non è un genere che prediligo, ma ne ho sentito parlare così bene che quando l'ho visto a un mercatino di libri usati non potevo non prenderlo! Che dire...ho divorato questo libricino in due giorni e l'ho letto con molta calma. Mi ha impressionata positivamente. Forse leggerò altri libri della Christie! 
Dieci persone che non conoscono l'un l'altra sono invitate a soggiornare in una rinomata villa a Nigger Island ma ci vanno a scatola chiusa, perché non conoscono nemmeno il padrone della villa, un misterioso U. N. Owen. Fin dall'inizio, l'assassino tramite una registrazione che parte da un grammofono, accusa gli invitati di diversi delitti di cui sono rimasti impuniti. Gli invitati iniziano ad essere uccisi uno dietro l'altro secondo lo schema di una filastrocca:
Dieci poveri negretti
se ne andarono a mangiar:
uno fece indigestione, 
solo nove ne restar.
Nove poveri negretti
fino a notte alta vegliar:
uno cadde addormentato,
otto soli ne restar.
Otto poveri negretti
se ne vanno a passeggiar:
uno, ahimè, è rimasto indietro,
solo sette ne restar.
Sette poveri negretti
legna andarono a spaccar:
un di loro s'infranse a mezzo,
e sei soli ne restar.
I sei poveri negretti
giocan con un alvear:
da una vespa uno fu punto,
solo cinque ne restar.
Cinque poveri negretti
un giudizio han da sbrigar:
un lo ferma il tribunale,
quattro soli ne restar.
Quattro poveri negretti
salpan verso l'alto mar:
uno un granchio se lo prende,
e tre soli ne restar.
I tre poveri negretti
allo zoo vollero andar:
uno l'orso ne abbrancò,
e due soli ne restar.
I due poveri negretti
stanno al sole per un po':
un si fuse come cera
e uno solo ne restò.
Solo, il povero negretto
in un bosco se ne andò: 
ad un pino s'impiccò,
e nessuno ne restò.

Nessuno degli invitati ammette la sua colpa e il loro destino è segnato, moriranno tutti. Ma la vera domanda sorge spontanea: Chi è l'assassino? Chi è che ha progettato questo diabolico piano?
Bhe di più non posso dirvi altrimenti vi svelo troppo! 
Vi consiglio vivamente questa lettura anche se non siete amanti del genere. Merita davvero tanto!
Se qualcuno di voi ha letto questo giallo, mi piacerebbe sapere la vostra opinione a proposito! 
Alla prossima! 








2 commenti:

  1. Il primo giallo della christie che ho letto e apprezzato!! 😍 una lettura accattivante e scorrevolissima

    RispondiElimina
  2. Il primo anche per me e mi ha piacevolmente colpita! Conto di leggere altri libri della Christie!

    RispondiElimina