domenica 18 settembre 2016

Recensione: Il volo dei gabbiani di Ginevra Tomas.

Titolo: Il volo dei gabbiani 
Autrice: Ginevra Tomas
Editore:Fondazione Zanetto
 Prezzo:14,00
TRAMA: Lucia ha solo tredici anni quando tutto ha inizio, eppure è già perdutamente innamorata di Luca, vent'anni, bellissimo e inavvicinabile. Il suo è un sentimento profondo, viscerale, che nasce da un'affinità elettiva che lei ha riconosciuto nonostante la sua giovane età. Cresciuto con due genitori amorevoli, un fratello e due sorelle, tutti più piccolo di lui, Luca è il tipico bravo ragazzo, serio, di poche parole, educato e maturo, disposto a impegnarsi fino in fondo per raggiungere i suoi obiettivi. Lucia è poco più di una bambina, ingenua, solare, estroversa e curiosa, sebbene la sua storia sia stata segnata da un passato drammatico che ha lasciato nella sua vita una scia di sofferenza. Nonostante le differenze un tratto li accomuna: l'amore per la famiglia per la quale entrambi sono disposti a tutto. E per Lucia la famiglia sono due uomini speciali, suo padre Riccardo e nonno Piero, sempre pronti a sostenerla con il loro affetto incondizionato. E' proprio nel dramma che il suo destino incrocia quello di Luca in un incontro che cambierà il corso delle loro esistenze. Sullo sfondo di una Milano di periferia, quella del naviglio Martesana e della sua suggestiva unicità, Lucia e Luca scopriranno, attraverso l'esplorazione dei loro sentimenti e della sensualità, la forza di un legame a cui sembrano predestinati. Una storia d'amore, d'amicizia e di affetti familiari autentici in cui tre generazioni si confrontano attraverso vicende che, intrecciandosi, mettono a nudo un'ampia gamma di esperienze e di emozioni, dalla sofferenza più cupa alla passione più ardente, in un unico filo conduttore.  

 Cosa ne penso?

Pochi minuti fa ho terminato di leggere questo libro, che mi ha emozionata fin dall'inizio per la sua storia fuori dal comune e i suoi personaggi. Tutto inizia con il funerale della mamma di Lucia, una ragazzina che alla giovane età di 13 anni, perde il suo punto di riferimento, una perdita che nessun bambino dovrebbe affrontare, un dolore che nessuno dovrebbe provare.
Al funerale partecipa anche la famiglia Dardi, e tra loro c'è Luca, ragazzo di vent'anni, di cui Lucia è perdutamente innamorata da sempre. Ogni volta in sua presenza sente emozioni forti che non sa spiegarsi e in questo caso non è da meno, infatti Luca le si avvicina e la colpisce con la sua dolcezza. Una serie di eventi allontanano Luca e Lucia e li ritroviamo cresciuti, quando Lucia è già una donna adulta, più matura, solare e con una forte personalità, mentre Luca sta finendo l'università e si sta preoccupando del suo futuro nel mondo lavorativo. In seguito a una serie di episodi, Lucia comincia a frequentare Luca e scopre che il suo amore è ricambiato e non potrebbe essere più felice. E' ciò che ha desiderato da sempre e si sta realizzando. Tuttavia la loro felicità avrà vita breve. Una serie di eventi li separeranno e porteranno a una svolta inaspettata. Riusciranno a superare la lontananza nonostante tutte le difficoltà che si stanno affacciando all'orizzonte e sembrano minacciare la loro storia d'amore??? La narrazione è alternata dal punto di vista dei due protagonisti ma anche di Riccardo, nonno Piero e altri personaggi. Ho amato tutti i personaggi, nessuno escluso. Lucia nel corso delle vicende non è mai da sola, ha sempre vicino a sè la sua migliore amica Martina, ma anche nonno Piero che nonostante la sua età riesce ad aprire il suo cuore a un'altra donna e suo padre Riccardo, che in seguito alla straziante perdita della moglie non ha ancora il coraggio di buttarsi in una nuova relazione.  La lettura è scorrevole e piacevole. Il finale me lo aspettavo diverso, infatti non lo accetto e pretendo assolutamente che ci sia un SEQUEL. U.U
Consiglio questa lettura a tutti coloro che vogliono rivivere sulla propria pelle le prime cotte, il periodo dell'adolescenza e del liceo, perchè Ginevra Tomas è stata bravissima nella descrizione di un amore puro, alle prime armi, dolce, insicuro , tenero e sincero.

Nessun commento:

Posta un commento